Azienda, Benessere Globale, sostenibilità

Sostenibilità e le P di Possibilità

Sostenibilità, paola che sempre più, ad oggi, è sulla bocca di molti.

People, Planet Profitt.

Sostenibilità Claudia Poppi Bilancio Bologna
Sostenibilità Claudia Poppi Bilancio Bologna

Cosa posso fare per promuovere queste 3 P oggi come oggi così importanti?

Cosa accade solitamente quando proviamo a sperimentarci nella vita?

  • Nonostante ci provi, non cambia niente nella mia Vita.
  • Ma perchè quello che voglio non si realizza mai?
  • Con me, non funziona l’esperienza di rafforzarmi nel pensare positivo!
  • non serve a tutta il destino si è accanito contro di me
  • adesso proprio che tutto sembrava andare bene mi capita un incidente

Vi riconoscete in almeno una di queste frasi? Come vi sembra questo monologo che ho riportato sopra?. Reale nelle nostre testoline ?

I motivi per cui l’”oggetto” desiderato o l'”esperienza desiderata” non giunga nella Vita delle persone possono essere varie. Ora vorrei portarvi alcuni punti di riferimento per creare pensieri che, a loro volta, creino un campo magnetico sano e funzionale. Le affermazioni sono affermazioni all’universo….dietro a queste affermazioni c’è il mondo emotivo della persona…è importante ascoltare le emozioni che si muovono mentre affermiamo qualcosa.

Questa consapevolezza inizia ad essere la guarigione per la trasformazione.

Non è con la mera ripetizione delle frasi che accadono le cose. E’ liberandoci delle emozioni disfunzionali che ci impediscono di accettare la possibilità che corrispondano al vero.

Per cui ascoltatevi dentro mentre sperimentate le frasi delle 3P come PoPPi per un buon promemoria per la tua crescita personale.

La regola delle 3 P  “coniata” da Louise Hay, aiuta a generare questo campo elettro magnetico sano è funzionale….andiamo oltre la grammatica mi raccomando…ascoltate e liberate emozioni.

Iniziamo:

P come “People”

Usare, nella formulazione dei pensieri e quindi delle affermazioni, il verbo presente eliminando ogni altra forma come così il passato , il condizionale , il futuro ecc ecc. È noto che le affermazioni hanno il potere modificare il campo magnetico attrattivo che a sua volta viene generato dai sentimenti che vivono in noi. Trasformare i sentimenti quindi equivale a cambiare il campo magnetico e di conseguenza attivare il flusso di energia. Questo è già presente in noi. Abbiamo bisogno di produrlo in modo consapevole. Esse lavorano sulla parte inconscia. Per farlo è necessario che creino quello stato emotivo che permette di cambiare un vecchio pensiero in noi.

Il principio di Louise Hay dichiara “ciò che dai, ti ritorna”. E’ importante quindi che lo stato emotivo che desideriamo sia generato da noi stessi e per farlo la maniera migliore possibile, è importante formulare parole al presente.

P come “Planet”

Poi….per creare le affermazioni potenzianti è importante usare la prima persona singolare, ossia “Io”. È importante che le affermazione vengano rivolte verso noi stessi. Non coinvolgere altri soggetti mentre costruisci l’affermazione.

Usate quindi frasi tipo:

  • Io scelgo di creare nuovi pensieri più funzionali alla mia vita
  • Io Amo me stessa e tutto ciò che faccio
  • Io Mi libero dal risentimento e riempio la mia vita di felicità

Non si tratta di un IO egoico bensì di un modo per assumere la responsabilità delle proprie affermazioni.

P come “Profitt”

La terza regola è altrettanto importante  e insieme alle precedenti e completa la regola delle 3P.

Creare frasi al “positivo”.  Le affermazioni non sono altro che frasi, quindi, se osservate il vostro dialogo interiore o esteriore, constaterete che costantemente pronunciamo delle affermazioni. Spesso le creiamo in modo disfunzionale, ossia richiamiamo, alla mente ed emotivamente, a noi esattamente quello che non vogliamo. Questo perchè usiamo termini linguistici ben precisi. Questa ultima regola è necessaria per una creazione di affermazioni “positive e potenzianti” ossia rivolte verso ciò che desideriamo, la domanda è: In quale modo?

  • Sii  specifico riguardo a ciò che vuoi che si manifesti nella tua vita
  • Usa parole positive, che generano cioè , una vibrazione alta.
  • Elimina le parole che non sono al presente
  • Evita di inserire i non ( non voglio questo, non cerco quest’altro ecc ecc .. )…è sano esprimere ciò che vogliamo perchè chiaro e immediato

Ricordiamoci anche P come Personale,P come positivo e P come Presente…che è l’unico tempo che abbiamo.

Se credi e senti che tutto ciò ha a che fare con te e questo articolo rappresenti un buon promemoria per la tua vita, il regalo che puoi farmi è di condividere con i tuoi amici e commentare. Lasciare qui sotto le tue riflessioni e considerazioni.

Perchè ti propongo questo ? Per condividere insieme e uscire dal virtuale per quanto possibile e perchè tra le mie intenzioni c’c di far conoscere questi contenuti a più persone possibili e solo voi sapete a chi presentarlo.

Di sviluppo sostenibile si inizia a parlare ufficialmente nel 1987, con il rapporto Brundtland, dove viene definito come “lo sviluppo che è in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri”. Oggi il concetto di sviluppo sostenibile si è evoluto e consiste nell’equilibrio virtuoso fra tre dimensioni: quella economica, quella ambientale e quella sociale.

Le tappe di avvicinamento verso lo sviluppo sostenibile – Fonte Asvis

Nell’Agenda 2030 queste tre dimensioni si integrano con l’approccio delle cinque P: People, Planet, Prosperity, Peace, Partnership. 

People. Eliminare la povertà e la fame, in tutte le loro forme, è uno degli obiettivi dell’Agenda 2030, assicurando che tutti gli esseri umani possano esprimere il loro potenziale con dignità, equità e in un ambiente sano. 

Planet. L’Agenda 2030 intende proteggere il pianeta dal degrado ambientale, anche attraverso modelli sostenibili di produzione e consumo, gestendo responsabilmente le sue risorse naturali e agendo rapidamente sul cambiamento climatico, per supportare i bisogni delle generazioni attuali e future. 

Prosperity. Tutti gli esseri umani devono poter vivere un’esistenza soddisfacente e il progresso economico, sociale e tecnologico deve avvenire in armonia con la natura. 

Peace. Le Nazioni Unite incoraggiano l’esistenza di società pacifiche, giuste ed inclusive, libere da paura e violenza. Non può esserci sviluppo sostenibile senza pace e pace senza sviluppo sostenibile. 

Partnership. I mezzi necessari per realizzare l’Agenda 2030 andranno mobilitati attraverso una rinnovata partnership globale per lo sviluppo sostenibile, basata su un rafforzato spirito di solidarietà globale, focalizzata in particolare sui bisogni dei più poveri e vulnerabili e con la partecipazione di tutti i paesi, i portatori di interessi e le persone. 

La strategia Europa 2020 

Dal 20 0 inoltre l’Unione europea si dotata di un uadro strategico decennale per la crescita e l’occupazione la Strategia “Europa 2020” asata su tre priorit interconnesse: 

crescita intelligente mediante lo sviluppo di un’economia asata sulla conoscenza la ricerca e l’innovazione; 

crescita sostenibile grazie alla decisa scelta a avore di un’economia a asse emissioni di CO2; 

crescita solidale, ossia focalizzata sulla creazione di posti di lavoro e la riduzione della povertà. 

una panoramica sull’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e sui singoli Sustainable Development Goals arricchita da esempi tratti dall’attualità per comprendere l’importanza dello sviluppo sostenibile per il nostro destino e quello delle generazioni future. 

Per saperne di più: lo sviluppo sostenibile nell’ordinamento italiano 

Sul piano della legislazione ordinaria, il principio dello sviluppo sosteni ile presente fin dal 2006 quando venne inserito tra i principi generali del decreto legislativo n. 152 (il cosiddetto “Testo unico ambientale”): “Ogni attività umana giuridicamente rilevante ai sensi del presente codice deve conformarsi al principio dello sviluppo sosteni ile al ine di garantire all’uomo che il soddisfacimento dei bisogni delle generazioni attuali non possa compromettere la qualità della vita e le possibilità delle generazioni future.” 

Il 28 luglio 2016 il Senato ha approvato in via definitiva la riforma della legge di bilancio, nella quale si prevede che in un apposito allegato al Documento di economia e Finanza (Def) “sono riportati l’andamento nell’ultimo triennio degli indicatori di benessere e uo e sosteni ile selezionati e definiti dal Comitato per gli indicatori di benessere equo e sostenibile, istituito presso l’ISTAT”.

Le L’AGENDA 2030 E GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE 

nuove norme prevedono anche che, entro il 15 febbraio di ogni anno, il Parlamento riceva dal Ministro dell’Economia e delle Finanze (MEF) una relazione sulla “evoluzione dell’andamento degli indicatori di benessere equo e sostenibile”. 

Queste modifiche potrebbero determinare un cambiamento sostanziale nel contenuto dei documenti di programmazione economica e finanziaria, spingendo Governo e Parlamento a considerare nella de inizione delle politiche gli SDGs e i contenuti dell’Agenda 2030. Il Governo si inoltre impegnato a predisporre una Strategia di sviluppo sostenibile che riguardi l’intero spettro degli SDGs e non solo la componente ambientale. 

Il Parlamento, e in particolare la Commissione Esteri della Camera dei Deputati, ha avviato un’indagine conoscitiva sull’Agenda 2030. L’indagine affidata al “Comitato permanente sull’attuazione dell’Agenda 2030 e gli o iettivi di sviluppo sosteni ile”, il quale svolgerà, in particolare, un’azione di monitoraggio sulle iniziative messe in atto o progettate dai Paesi del G7, di cui l’Italia ha assunto la presidenza nel 2017. 

Inoltre, il Consiglio nazionale per la cooperazione allo sviluppo, operante presso il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale (MAECI), ha istituito un gruppo di lavoro dedicato ai “Seguiti dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sosteni ile: coerenza delle politiche e icacia e valutazione”. 

In Italia l’impegno per lo sviluppo sosteni ile caratterizza gi le iniziative di un’ampia platea di soggetti pu lici privati e della societ civile i uali anche grazie al lavoro dell’ASviS e di altre istituzioni che operano in Italia (come la Fondazione Global Compact Network Italia e SDSN Italia), hanno già incorporato o stanno incorporando nei propri programmi di azione gli impegni dell’Agenda Glo ale 2030 e l’impegno per realizzare gli SDGs spesso all’interno di reti internazionali che cooperano con le agenzie impegnate nei diversi campi. 

La posizione dell’Italia 

Alcuni progetti di ricerca di fondazioni private, enti pubblici e imprese private attive nella consulenza d’impresa hanno con rontato a partire dagli indicatori disponibili nelle banche dati internazionali, gli obiettivi e la condizione attuale per diversi insiemi di paesi. Nel settembre 2015 la Fondazione Bertelsmann ha analizzato i dati dei paesi OCSE ed è risultato che l’Italia si colloca in 26esima posizione tra i 35 paesi OCSE. Le per ormance dell’Italia sono molto eterogenee. Per nove dei 34 indicatori considerati (due per ciascun obiettivo), il nostro Paese compare in tre casi fra i migliori tre paesi e in 16 casi tra i peggiori tre

I nostri punti di forza 

Gli italiani godono di un’aspettativa di vita in salute tra le più alte tra i paesi OCSE, secondi soli ai giapponesi. 

Con 11 tonnellate pro-capite di livello di consumo interno di materiale, l’Italia tra i cinque paesi migliori in questo campo. 

Solo il 10,4% degli italiani sovrappeso o obeso, dato che ci pone al quinto posto della classifica per questo indicatore. L’AGENDA 2030 E GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE 

L’Italia inoltre tra i dieci paesi pi e icienti per consumo di energia con un’intensit di energia primaria, cioè di energia naturale, pari a 4,1 petajoule per miliardo di PIL. 

I nostri punti di debolezza 

Per contro il livello di percezione della corruzione del settore pu lico da parte degli italiani molto alto rispetto ai paesi OCSE. 

Abbiamo uno dei più alti tassi di disoccupazione, specie tra i giovani, e risultati inferiori alla media OCSE per quanto riguarda le competenze in termini di lettura, matematica e scienze, e il completamento secondaria della scuola superiore. 

Siamo alla 3 esima posizione per presenza di polveri sottili nell’aria oltre i livelli di sicurezza fissati dall’Organizzazione Mondiale della Sanit . 

onsiderate le diverse di icolt evidenziate in primo luogo uelle economiche l’Italia a registrare livelli molto bassi di soddisfazione della vita. Il dato è in crescita da diversi anni. 


1
Tags:

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale e di agevolare la trasformAzione dal 1997 come freelance. Dal 2012 le giornate le investo per aiutare persone, aziende e professionisti a trasformare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio. Consulente in Sostenibilità per mettere in accordo felicità e produttività. Sostenibilità è una opportunità.