Consapevolezza, Felicità

il desiderio è erotico

Il coraggio di desiderare come chiave della consapevolezza.

Questo metodo permette di uscire dalla propria condizione di normalità, cioè porta fuori da sé, proprio come una meditazione profonda o un digiuno.

Lo fa attraverso la mente, con delicatezza. Una Leggerezza che porta nel lungo periodo a cambiamenti interiori e vasti proprio perché  è continuo e aggiunge sempre un pezzetto. Piano piano a forza di lavorare con queste regole, la percezione del mondo intorno cambia. Infatti la normalità e di avere 10 – 12 desideri ma via via che si formulano altri desideri si diventa sempre più ampi. Domandarsi in maniera sempre più consapevole ” lo voglio o non lo voglio? ” in altre parole c’entra con me?

Voglio che faccia parte del mio futuro?

Ho imparato a farmi questa domanda molto spesso…potrei dire ad ogni passo.

In Ogni istante della nostra vita ci troviamo di fronte a un fiume di occasioni che non siamo più abituati a vedere perché guardiamo verso il basso. Ci hanno insegnato così ad evitare le cacche di cane e le pozzanghere.

In questo riusciamo molto bene, d’altra parte però ci perdiamo  occasioni che erano lì appositamente per noi. E che pensiamo di non meritarci. Questo metodo permette di vedere le opportunità che ci vengono presentate, e quello che accadrà dopo qualche mese é che il mondo non è più lo stesso.

Si lavora sulla propria personalità, desiderando ad esempio trasformazioni in noi stessi. Ogni desiderio che non riusciamo ad esprimere è una forma di premonizione in quanto non è frutto della nostra fantasia bensì di un improvviso estendersi della nostra percezione. Il nostro desiderare in realtà un modo di estendere la nostra percezione, di sintonizzarci sull’altro piano di realtà, è anticipare ed annunciare alla nostra razionalità quelle occasioni che vengono intraviste nell’avvenire. Importante farsi avanti ed afferrarle.

Questa spiegazione trova conferme tanto più interessanti quanto si riconosca la complessità che consiste nel precisare il grado di coraggio necessario affinché la nostra percezione scorga occasioni andando oltre a quello che i nostri desideri possono sembrare di primo acchito alla nostra razionalità.

La più celebre tra le precisazioni di questo grado di coraggio e di certo quella fornita da Gesù nei vangeli:

in verità io vi dico: se avrete fede ( anche solo un pochino)  quanto un granellino di senape. Potrete dire a questa montagna: spostati ed essa si sposterà, e niente vi sarà impossibile.

Vangelo di Matteo 17 20

Queste frasi però Gesù le ripete spesso e sono riportate praticamente in tutti vangeli. E così possiamo leggere fra le righe che le parole di Gesù significano che se nel desiderare si riesce a evitare preclusioni, a evitare di rimanere aggrappati a ciò che già si sa, si sente dentro quella fede profonda che permette di spostare la montagna dell’inerzia interiore con una straordinaria facilità …e a questo punto… nulla di ciò che si desidera risulterà impossibile.

Il coraggio del desiderio cede il posto all’ansia del desiderio, che con gli anni diviene sempre più tormentosa E fa pensare all’assenza di desideri come una liberazione. Da qui all’atrofia il passo è breve.

L’esperienza del desiderio è potente e una educazione al desiderio può riattivare importanti energie. Tutto ciò possiamo considerarla importante , l’energia del desiderio è anche  una energia erotica in quanto energia creativa, trasformante ed è spesso strettamente collegata , come automatismo mentale, alla sessualità.

Il desiderio è erotico.

L’educazione al desiderio è uno degli spazi che esploreremo nel perCorso di crescita evolutiva Sessualità Sacra promossa da Hasya – Accademia Counseling a Bologna. Vorrei proprio invitarvi ad incuriosirvi di questo approccio.

Torniamo a noi…Da bambini desideravamo e basta…e ora come adulti?

Così per scuotere l’animo adulto da questo rischio di atrofia interiore si propone l’esperienza dei 101 desideri.

Compresa l’importanza del coraggio di desiderare? sarà il nostro esempio a educare  chi viene dopo di noi. Quindi educare al desiderio è importante perchè genera energia creativa profonda e trasformante. Il desiderio è erotico.

Cosa vogliamo passare alle generazioni future? Apatia o energia?

e ora il metodo dei 101 desideri…carta, penna e calamaio?…:-)) o vuoi leggere l’articolo precedente?…qui per te

Claudia Poppi desidera con voi

 

0
Tags:

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità e della leggerezza, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale ed educazione al cambiamento dal 1997 come freelance. Dal 2012 uso le mie giornate per aiutare persone, aziende e professionisti a cambiare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio per avere risultati ancora migliori. CHO, Chief Happiness Officer per mettere in accordo felicità e produttività.

Lascia un commento