Alimentazione, Consapevolezza

i benefici del digiuno ai tempi dell’abbondanza

Il primo passo verso il tuo benessere è il cambiamento, anche se ogni cambiamento spesso genera resistenza.

ebbene, sono preparata per aiutarti a superare dubbi, resistenze e retromarce che incontrerai nel tuo cammino di cambiamento. qualunque sia il tuo scopo: migliorare il lavoro, studiare di più, superare disagi sentimentali, trovare nuovi obbiettivi… e ti posso fornire anche libri, testi e video ad hoc….come coach ho visioni ampie e globali.

inoltre, come modalità sorprendente ed elettiva per stimolare la tua capacità di cambiamento, ti propongo un’esperienza estremamente nutriente: il digiuno!

il digiuno è nutriente innanzitutto perché ti permette di perdere peso, che può essere uno dei tuoi obbiettivi. poi svolge un’azione di profonda purificazione biochimica del tuo organismo, eliminando tossine anche antichissime.

e mette alla prova il tuo coraggio. la tua capacità di reggere la sfida nel raggiungimento di un traguardo personale fuori dall’ordinario, eccellente. eppure dosabile secondo le tue effettive capacità: una settimana, un giorno, un pasto…e poi stimola la tua perseveranza. il rimanere saldo nella decisione presa, il saper resistere alla tentazione di mollare. e infine porta alla luce la qualità più importante: la fiducia in te stesso e nelle tue capacità di successo.

a digiuno finito, avrai l’impagabile opportunità di dirti quanto sei stato bravo e in gamba. e la tua percezione di te stesso e del tuo potenziale avrà già subito un enorme cambiamento positivo.Certo che potresti domandarti cosa centra il digiuno con la tua vita. i benefici del digiuno ai tempi dell’abbondanza per una vita in questo tipo d contesto sociale è veramente una esperienza formativa.La mia esperienza personale mi fa dire che il digiuno è gran cosa.

Il primo ad essere felice, secondo me, è lo stomaco…ah ah a ha…direte voi!…pensate un attimo…lavora e digerisce tuta una vita…pause se va bene di 8 ore il tempo di sistemare gli ultimi enzimi…potrà ben godersi delle meritate ferie!

Il digiuno è una grande occasione di riposo…da tanti punti di vista pratici.

Niente spesa, Risparmio assicurato in termini di denaro. Evitiamo di cucinare con risparmio di tempo e denaro…e l’ambiente ci guadagna….se volete continuo….:-)…più tempo per tutte quelle piccole grandi cose che rimandiamo sempre…leggere un libro…riguardare le foto della scuola…molti i benefici…:-)

I lati negativi?…io non ne ho trovati.

15 gg di digiuno rimangono nei miei ricordi come un periodo meraviglioso di grande lucidità e serenità.

Lavoravo e studiavo, andavo a nuotare….in modo gentile rispettoso per il mio corpo…tutto molto soft e rallentato….però svolgevo tutte le normali attività alle quali ero chiamata.

Cenni di mal di testa i primi giorni!…saporaccio in bocca…qualche dolore articolare…poi?…solo leggerezza.

In questi tempi di crisi e paradossalmente di abbondanza credo che l’esperienza del digiuno aiuterebbe l’essere umano a prendere contatto con la propria essenza. LA lucidità che arriva in questo tipo di esperienza è molto potente e permette di vedere oltre il velo dell’abbondanza di bene materiali e cogliere la scarsità di valori che è il caso che spolveriamo.

Tenuto conto che l’esperienza del digiuno è roba antica eviterei di mettere l’accento su tutti illuminati della nostra epoca che  decantano le meraviglie di questa pratica come se ne avessero scoperta loro la possibilità.

Il corpo umano ha una memoria genetica atavica di come superare i momenti di crisi alimentare ed è sano tenerla attiva.

L’uomo ha sempre saputo affrontare momenti di carestia. Sappiamo che senza respirare possiamo resistere solo alcuni minuti, senza bere possiamo stare, senza pregiudicare l’equilibrio fisiologico del nostro corpo solo qualche giorno….senza mangiare?…anche 40 giorni…molte sono le religioni che usano questo numero per ricordarci il valore del digiuno.

E se andiamo oltre le religioni e ci avviciniamo alla spiritualità che è in ognuno di noi scopriremo che possiamo farcela, le esperienze ci mettono alla prova per farci comprendere che possiamo andare oltre le credenze che ci vorrebbero terrorizzati di trovarci senza sostentamento alimentare. Con questa convinzione non nutriamo forse la parte di noi che più di tutte è attaccata al passato, alla sicurezza e al dubbio insito in noi di reggere il cambiamento?

Vi siete mai domandati come mai i bambini a volte non sentono il richiamo della tavola?….io ho idea che ciò accada perchè sono nutriti abbondantemente dal piacere di vivere a pieno ciò che stanno facendo…giocando o scrivendo sulla terra con un bastoncino di legno o travasando acqua….se ancora queste esperienze sono consentite in questa società ristretta e paradossalmente abbondante.

 

L’abbondanza è dentro di noi e noi la cerchiamo fuori sotto forma di tavole imbandite…..

A ognuno le proprie riflessioni e…buon digiuno!

🙂

Sempre sazi voi siate ovunque vi troviate

Claudia

0
Tags:

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità e della leggerezza, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale ed educazione al cambiamento dal 1997 come freelance. Dal 2012 uso le mie giornate per aiutare persone, aziende e professionisti a cambiare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio per avere risultati ancora migliori. CHO, Chief Happiness Officer per mettere in accordo felicità e produttività.

Lascia un commento