Il 22 marzo di ogni anno si in famiglia festeggiamo il compleanno di mio figlio Marco. 🙂 Sorry, un pò di mammitudine permettetemelo.

Quindi dicevamo: il 22 marzo di ogni anno si festeggia l’acqua, l’elemento per eccellenza sinonimo di vita.

Claudia POppi Counselor Coach Bologna

La Giornata Mondiale dell’Acqua (in inglese: World Water Day) è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, prevista all’interno delle direttive dell’agenda 21 (clicca qui per saperne di più) , risultato della conferenza di Rio.

22 Marzo e l’acqua

Il 22 marzo di ogni anno gli Stati che siedono all’interno dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sono invitati alla promozione dei valori dell’acqua promuovendo attività concrete nei loro rispettivi Paesi. Con la coordinazione del dipartimento degli affari sociali e economici dell’ONU, la giornata internazionale dell’acqua 2005 determinò l’inizio di una seconda decade internazionale delle Nazioni Unite dedicata alle azioni a favore della valorizzazione dell’acqua.

Oltre gli Stati membri del Palazzo di Vetro, dal 2005 anche una serie di Organizzazioni Non Governative hanno utilizzato tale giornata come momento per sensibilizzare l’attenzione del pubblico sulla critica questione dell’acqua nella nostra era, con occhio di riguardo all’accesso all’acqua dolce e alla sostenibilità degli habitat acquatici.

Claudia POppi Counselor Coach Bologna

Forum sull’acqua cosa è?

Ogni tre anni, a partire dal 1997, il World Water Council, organismo non governativo internazionale creato nel 1996 come piattaforma degli organismi internazionali e specialisti nel settore dell’acqua, con uno status consultivo speciale loro attribuito da Unesco ed Ecosoc, convoca un World Water Forum (Forum sull’acqua) per raccogliere i contributi e dibattere intorno agli attuali problemi locali, regionali e globali, problemi che non possono essere risolti senza un accordo quadro con obiettivi e strategie comuni. All’incontro del 2012 a Marsiglia hanno preso parte oltre 140 delegazioni ministeriali e più di 180 paesi rappresentati, tra cui l’Italia. L’ultimo incontro dal tema “acqua e sviluppo sostenibile”è stato quello del 2015 a Daegu-Gyeongbuk in Corea del Sud. 

Andare oltre queste informazioni cosa significa?

Significa prendere posizione rispetto al tema dell’acqua bene comune.

Nel 2012 il referendum per tenere l’acqua come bene comune e tentare di sottrarlo , almeno in italia alle multinazionali. Ricordate?. Abbiamo in Italia il sistema Sanitario Nazionale che il mondo ci invidia perchè pubblico e di qualità, e siamo anche uno dei pochi paesi ad essersi preso a cuore il tema dell’Acqua.

L’immagine che ci viene proposta è di una acqua limpida cristallina e fresca, in movimento, stimolante e giocosa. Una immagine di purezza che tanto stride con una realtà dove si nuota letteralmente nel marciume che abbiamo determinato come genere umano.

Fare Goal ogni giorno

Nel piano dell’Unione Europea, siamo europei fino a prova contraria, i progetti e programmi si legge precisamente tra i 17 Goal che uno in particolare è dedicato al tema dell’acqua. Lo ripropongo qui e potete trovare tutti i temi coinvolti nell’Agenda 2020 – 2030 QUI a questo link informazioni

6 – Sostenibilità è: Cura dell’acqua

L’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienici è un diritto umano e, insieme con le risorse idriche, un fattore determinante in tutti gli aspetti dello sviluppo sociale, economico e ambientale. Gli OSM del 2000 contenevano obiettivi su acqua e servizi igienici potabile, ma non hanno affrontato altri aspetti fondamentali per lo sviluppo sostenibile, come la gestione delle risorse idriche, la gestione delle acque reflue, la qualità dell’acqua onde prevenire i disastri legati all’acqua.
Quindi il Goal 6 comprende quindi ulteriori obiettivi come la protezione e il ripristino degli ecosistemi legati all’acqua (tra cui montagne, foreste, zone umide, fiumi e laghi).

Obiettivo 6 mira a migliorare la qualità dell’acqua e ridurre l’inquinamento delle acque, in particolare quello da sostanze chimiche pericolose. Si sostiene anche la cooperazione transfrontaliera, come la chiave per la gestione delle risorse idriche in modo integrato a tutti i livelli. Per il 2030 tutta la popolazione mondiale dovrebbe poter avere accesso ad acqua potabile.

Cosa sono i 17 Goal?

Sono 17 Azioni da portare avanti tutti insieme e a tutto campo, senza fretta, forse, e sopratutto senza sosta per realizzare la miglior sostenibilità possibile delle azioni che l’uomo mette in campo ogni giorno.

Macro Mondi potrebbero sembrare questi argomenti ed effettivamente ci si potrebbe sentire un pò Davide a guardare tutto quel che c’è da fare per rimettere in ordine il Pianeta.

Il 25 settembre 2015 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato l’Agenda2030 per lo sviluppo sostenibile identificando i 17 Sustainable Development Goals (in italiano Obiettivi di Sviluppo Sostenibile). Gli SDGs rappresentano un insieme di traguardi da raggiungere per il miglioramento globale secondo i principi dello sviluppo sostenibile, ovvero agire per promuovere il benessere sociale, proteggere l’ambiente e potenziare l’economia.

Gli Obiettivi fanno parte dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e attraverso i 169 target invitano tutti i paesi del mondo a contribuire, in base alle loro possibilità, al raggiungimento di questi traguardi entro il 2030, in modo da ridurre le disuguaglianze, porre fine alla povertà, costruire società pacifiche, sostenere lo sviluppo sociale ed economico, affrontare i cambiamenti climatici, tutelare tutte le forme di vita viventi, rendere accessibili le risorse e utilizzarle con responsabilità.

Adesso cosa facciamo?

Considerando che è il genere umano ad aver generato tutto questo sconquasso nessuno è esentato a dare il suo contributo.

Claudia POppi Counselor Coach Bologna

Cosa facciamo?

0

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale e di agevolare la trasformAzione dal 1997 come freelance. Dal 2012 le giornate le investo per aiutare persone, aziende e professionisti a trasformare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio. Consulente in Sostenibilità per mettere in accordo felicità e produttività. Sostenibilità è una opportunità.