Benessere Globale, BioDieta, Coaching, Scuola

coach per adolescenti e ragazzi di ogni età

Cosa può fare un coach per adolescenti e ragazzi di ogni età? Domanda che mi viene rivolta da molti genitori, che, si sentono ragazzi, e mi contattano per sapere come funziona il coaching e se, in caso, per gli adolescenti può essere utile.

Mi fa piacere fornire così alcune informazioni in materia e dare qualche coordinata in merito.

Confesso che ho impiegato un po’ di tempo, da quando sono coach, prima di prendere in carico ragazzi; come prima motivazione c’era un senso di responsabilità che mi impediva di “fare pratica” con persone molto giovani e poi ….poi ho pensato che il mio miglior coach in realtà è mio padre. Quindi se lo ha fatto lui con me inconsapevolmente, potevo farlo anche io. Lo faccio in modo consapevole e chiaro.

Ho due figli, ormai giovani uomini, con i quali ho agito in alcuni momenti come un coach e questo mi lascia la tranquillità che quando ci vuole ci vuole, molto di più che una sgridata o una sculacciata, e che questa modalità  è sana e ci ha permesso di uscire da dinamiche scolastiche particolarmente complesse.

Al volo l’ultima riflessione che feci: non è che essendo madre  avrei proiettato sui miei clienti le mie visioni di madre? Buttata nel water questa convinzione limitante ho iniziato.

Quindi ho preso la decisione di accettare anche ragazzi; ho approfondito gli studi sull’argomento e finalmente è arrivato il primo cliente….anzi la prima cliente dato che si  trattava di una ragazza.

Devo dire che è stata una piacevole sorpresa lavorare con giovani e giovanissimi; pensavo fosse più difficile che con gli adulti e invece è più semplice in quanto sono meno strutturati e le loro convinzioni poco funzionali si possono rendere funzionali in minor tempo e con minor fatica sopratutto per loro.

Coach Claudia Poppi Bologna

 

Come funziona il lavoro di coaching con i ragazzi te lo stai domandando? Tutto sommato in modo molto simile a quello con gli adulti. L’elemento chiave per agevolare la loro decisione di accettare la vostra proposta di genitore ?

La vostra autenticità nel proporgli la cosa.

La motivazione?

Prima cosa molto importante: per lavorare con una persona, ragazzo o adulto che sia, ci vuole la motivazione del soggetto. Quindi non è utile accompagnare a forza un ragazzo dal coach perché i risultati sarebbero scarsi se non nulli. Magari potete accompagnarli a un primo incontro, che di solito è gratuito, affinché il ragazzo stesso si renda conto di che cosa si tratta e poi sarà lui che sceglierà liberamente se fare un percorso o no.

Cosa può fare il coaching per i ragazzi?

Può aiutarli in tante cose; ad esempio ad avere più fiducia in loro stessi, a comunicare meglio, a darsi un metodo negli studi. Può il coaching far studiare un ragazzo che non ne ha voglia? Uhm, difficile, però potrebbe essere utile fare qualche sessione per esplorare cosa c’è dietro questa scarsa o nulla applicazione negli studi.

Come si sviluppa un percorso di coaching per i ragazzi?

In modo simile che per gli adulti. Il percorso prevede solitamente 12-15 sessioni di durata di 60 minuti (se molto giovani) o 90 minuti. La frequenza delle sessioni inizialmente (solitamente le prime tre sessioni) è settimanale, poi diventa quindicinale e si prosegue diluendo nel tempo l’esperienza accompagnando i progressi e i passaggi fatti dai ragazzi. Si agevola la consapevolezza dei loro progressi a sostegno dell’autostima e dell’autoefficacia.

Pensate che vostro figlio/a abbia bisogno di un coach?

Attenzione a dirglielo in maniera esageratamente esplicita quanto autentica; potrebbe fare resistenza ed elevare una barriera. Solitamente propongo di partire da una piccola difficoltà, che lui/lei riconosca naturalmente, e dirgli intanto che con il coach potrà lavoro su quello. Sarà poi il professionista,  una volta conquistata la fiducia nel ragazzo, ad ampliare l’ambito dell’intervento se lui/lei aprono gli spazi di relazione.

A questa pagina i miei approcci e specifiche 

Certo che si! Infatti se ti stai domandando se il coaching può far bene anche ai genitori la risposta è SI. E questa proposta è specificatamente creata anche per i genitori o professionisti. Clicca qui per scoprire di più

Assolutamente si,  perchè il genitore è anche un professionista, per il genitore per mettere a fuoco la propria vita…quindi possiamo dire che il coaching è utile alla persona, qualsiasi età possa avere e qualsiasi attività voglia essere messa a fuoco attraverso il metodo del coaching.

Professionista o ruolo che si viva, siamo prima di tutto persone, il coaching è per la persona per migliorare i propri stili di vita e raggiungere obiettivi.

 

0
Tags:

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità e della leggerezza, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale ed educazione al cambiamento dal 1997 come freelance. Dal 2012 uso le mie giornate per aiutare persone, aziende e professionisti a cambiare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio per avere risultati ancora migliori. CHO, Chief Happiness Officer per mettere in accordo felicità e produttività.

Lascia un commento