Azienda, Benessere Globale

Ansia da Climate Change

Siamo perennemente in ansia perché cerchiamo soluzioni biografiche a problemi sociali. Ci sentiamo in colpa per non saper riempire il vuoto che sentiamo dentro, ma quel vuoto non dipende da noi e non è soltanto nostro: lo condividiamo tutti. È, paradossalmente, l’ultima cosa che ci unisce e che ci rende affini. Ed è il senso di spaesamento che ci affanniamo a coprire. Le strategie che sviluppiamo per riempire quel vuoto contribuiscono ad espanderlo: fare di più, lavorare di più, produrre di più. Chiediamo a noi stessi una performance sempre migliore e ci trattiamo male se non rispettiamo le nostre aspettative e quelle del mondo. L’ansia da prestazione è il doping necessario per partecipare alle gare quotidiane. Ma il dolore che sentiamo non dipende da noi. È un dolore figlio del nostro tempo, è un problema collettivo la cui soluzione può essere soltanto collettiva. È l’anima dell’umanità ad aver bisogno di cure, non la nostra, che ha piuttosto bisogno di essere lasciata in pace. È impegnandosi nel costruire un nuovo senso della comunità che potremo invertire la rotta del buco nero che ci unisce e, lentamente, riscoprire il gusto dello scorrere del tempo.

0

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale e di agevolare la trasformAzione dal 1997 come freelance. Dal 2012 le giornate le investo per aiutare persone, aziende e professionisti a trasformare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio. Consulente in Sostenibilità per mettere in accordo felicità e produttività. Sostenibilità è una opportunità.